Isola
- Admin
Poesie famose - biblioteca della poesia
Sei qui: 
  > 
  >  Testo poesia

Ho sceso dantoti il braccio

Autore:Eugenio Montale (Scheda autore)

Data di inserimento: 03/02/2013


Testo opera:

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr'occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

Video di approfondimento:

Commento alla poesia

Importante: Non copiare questo testo senza citare la fonte! Se vuoi riportarlo altrove, specifica che è stato preso da qui. Non copiare tutta la pagina: cita una parte del testo e inserisci un link di rimando a questa pagina. Violare queste regole potrà portare a conseguenze legali. Info sul copyright

Il poeta descrive con tenerezza la figura della moglie, ricordandone le caratteristiche migliori, ovvero il buon senso e la saggezza, oltre che la miopia.
Montale le offriva il braccio per aiutarla a scendere le scale e ora sente la sua mancanza. Egli ripensa a tutte le difficoltà della vita che hanno passato assieme e si sente solo al suo ricordo.

Articolo pubblicato e online dal 03/02/2013 - Vietata la copia non autorizzata. Info sul copyright

(c)

Hai notato qualche errore in questa pagina? Avvisaci tramite il form di segnalazione.