Tanto gentile e tanto onesta pare - Dante

Titolo: Tanto gentile e tanto onesta pare

Autore: Dante Alighieri (Scheda autore)

Data di inserimento: 02/02/2013

Testo opera:

Tanto gentile e tanto onesta pare
la donna mia, quand'ella altrui saluta,
ch'ogne lingua devn, tremando, muta,
e li occhi no l'ardiscon di guardare.
Ella si va, sentendosi laudare,
benignamente d'umilt vestuta,
e par che sia una cosa venuta
da cielo in terra a miracol mostrare.
Mostrasi s piacente a chi la mira
che d per li occhi una dolcezza al core,
che 'ntender no la pu chi no la prova;
e par che de la sua labbia si mova
un spirito soave pien d'amore,
che va dicendo a l'anima: Sospira.

Importante: Non copiare questo testo senza citare la fonte! Se vuoi riportarlo altrove, specifica che è stato preso da qui. Non copiare tutta la pagina: cita una parte del testo e inserisci un link di rimando a questa pagina. Violare queste regole potrà portare a conseguenze legali. Info sul copyright

Dante Alighieri in questo sonetto, descrive Beatrice, la donna che ama. E lo fa mettendola in risalto come una donna angelica, al cui passaggio tutti si ammutoliscono al cospetto di lei e della sua grazia e bellezza.

Lei venuta dal cielo secondo Dante, al fine di testimoniare la grazia Divina. ' la donna che pu condurre alla perfezione spirituale.

La gentilezza per Dante la nobilt d'animo di cui Beatrice rappresentante.

Articolo pubblicato e online dal 02/02/2013 - Vietata la copia non autorizzata. Info sul copyright
(c)