Poesie famose - biblioteca della poesia
Sei qui: 
  > 
  >  Testo poesia

La pioggia nel pineto

Autore:Gabriele D'Annunzio (Scheda autore)

Data di inserimento: 03/02/2013


Testo opera:

Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove sui pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggeri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t'illuse, che oggi m'illude,
o Ermione.

Odi? La pioggia cade
su la solitaria
verdura
con un crepitio che dura
e varia nell'aria secondo le fronde
più rade, men rade.
Ascolta. Risponde
al pianto il canto
delle cicale
che il pianto australe
non impaura,
né il ciel cinerino.
E il pino
ha un suono, e il mirto
altro suono, e il ginepro
altro ancora, stromenti
diversi
sotto innumerevoli dita.
E immensi
noi siam nello spirito
silvestre,
d'arborea vita viventi;
e il tuo volto ebro
è molle di pioggia
come una foglia,
e le tue chiome
auliscono come
le chiare ginestre,
o creatura terrestre
che hai nome
Ermione.

Ascolta, Ascolta. L'accordo
delle aeree cicale
a poco a poco
più sordo
si fa sotto il pianto
che cresce;
ma un canto vi si mesce
più roco
che di laggiù sale,
dall'umida ombra remota.
Più sordo e più fioco
s'allenta, si spegne.
Sola una nota
ancor trema, si spegne,
risorge, trema, si spegne.
Non s'ode su tutta la fronda
crosciare
l'argentea pioggia
che monda,
il croscio che varia
secondo la fronda
più folta, men folta.
Ascolta.
La figlia dell'aria
è muta: ma la figlia
del limo lontana,
la rana,
canta nell'ombra più fonda,
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su le tue ciglia,
Ermione.

Piove su le tue ciglia nere
sì che par tu pianga
ma di piacere; non bianca
ma quasi fatta virente,
par da scorza tu esca.
E tutta la vita è in noi fresca
aulente,
il cuor nel petto è come pesca
intatta,
tra le palpebre gli occhi
son come polle tra l'erbe,
i denti negli alveoli
son come mandorle acerbe.
E andiam di fratta in fratta,
or congiunti or disciolti
( e il verde vigor rude
ci allaccia i melleoli
c'intrica i ginocchi)
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani

ignude,
su i nostri vestimenti
leggeri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
m'illuse, che oggi t'illude,
o Ermione.

Video di approfondimento:

no video

Torna più avanti qui:potresti trovare un video su questa poesia.

Commento alla poesia

Importante: Non copiare questo testo senza citare la fonte! Se vuoi riportarlo altrove, specifica che è stato preso da qui. Non copiare tutta la pagina: cita una parte del testo e inserisci un link di rimando a questa pagina. Violare queste regole potrà portare a conseguenze legali. Info sul copyright

Questa bellissima poesia, inizia con il poeta che invita Ermione, la donna che ama e che l'accompagna, a tacere. Gabriele D'annunzio desidera il silenzio, per ascoltare i suoni della natura che li circonda nel pineto e sentirsi parte di essa. E così avviene. Poi il poeta D'Annunzio le dice di ascoltare il suono prodotto dalla pioggia caduta da un cielo con poche nuvole, che bagna i mirti, i pini e i mazzetti di fiori dorati.

La pioggia non cade solamente sulle piante e sul terreno: accarezza anche i loro volti, le loro mani e le loro vesti. Ma anche sui loro sentimenti, che sembrano ringiovanire in quell'atmosfera.

Il poeta impersonifica la natura: considera la pioggia come il pianto del cielo e invita la donna ad ascoltare anche gli animali e in particolare il canto della cicala, che non si impaurisce per la pioggia, ma risponde a essa. Gli alberi producono suoni diversi quando vengono accarezzati dalla pioggia: sembrano strumenti musicali che suonano all'unisono, producendo una dolce melodia.

Le cicale smettono di cantare nel pineto e si ode il suono della pioggia che cade sulla terra.

D'annunzio osserva Ermione e nota che le gocce di pioggia cadono anche sul suo volto e le sue ciglia, dando l'impressione che lei stia piangendo. I suoi capelli assumono un'immagine diversa, bagnati dalla pioggia e lei sembra verdeggiare, come fosse una ninfa proveniente dai boschi. I suoi denti sembrano mandorle acerbe, gli occhi sono sorgenti d'acqua...

In quell'atmosfera magica, entrambi ritrovano nel pineto "La favola bella che illude", cioè la vita con i suoi sogni d’amore e le sue speranze. E questa, a mio avviso, da parte di Gabriele D'annunzio è una vera poesia nella poesia.

Questa poesia di Gabriele D' Annunzio è bellissima perchè fonde il sentimento con l'amore per la natura. E per D' Annunzio è la natura del pineto a risvegliare i sentimenti d'amore e le passioni, con la sua bellezza, i suoni e e la pace che ispira.

Articolo pubblicato e online dal 03/02/2013 - Vietata la copia non autorizzata. Info sul copyright

(c)

Hai notato qualche errore in questa pagina? Avvisaci tramite il form di segnalazione.